Rotolo di tacchino
Ingredienti

½ petto di tacchino (1 kg circa)
100 g di spinaci
1 cipollotto
olio extravergine d’oliva
2 uova
2 cucchiai di grana grattugiato
30 g di pancetta a fettine
100 g di Asiago
1 spicchio di aglio
salvia, rosmarino
vino bianco secco
brodo
sale e pepe
Preparazione

Tritate il cipollotto e rosolatelo con poco olio in una padella antiaderente. Unite gli spinaci ben lavati e sgocciolati, salate, chiudete con il coperchio e fate appassire a fuoco vivace.
Sbattete le uova con una presa di sale e il formaggio grattugiato, versatele sugli spinaci e preparate una frittata. Tenete da parte.

Aprite la carne a libro utilizzando un coltello a lama lunga e stretta che avrete bagnato sotto l’acqua corrente perché scorra meglio, tagliando il petto di tacchino a metà nello spessore, senza dividere le due parti. Apritelo e incidetelo con tagli profondi a scacchiera su entrambi i lati.
Ponetelo tra due fogli di pellicola da cucina e appiattite la carne con il batticarne, girandola per allargarla il più possibile.

Salate e pepate. Ricoprite con la pancetta, fate uno strato di formaggio Asiago tagliato a fettine sottili, adagiatevi sopra la frittata e arrotolate il tutto.
Legate l’arrosto con lo spago da cucina o con gli anelli elastici.

Scaldate un po’ di olio in una casseruola che contenga la carne esattamente, meglio se di forma ovale. Aggiungete aglio, salvia e rosmarino e rosolatevi il rotolo di tacchino, girandolo di tanto in tanto finché sarà dorato in modo uniforme.
Bagnate con il vino e fate evaporare, girando ancora il rotolo un paio di volte.
Aggiungete infine qualche cucchiaio di brodo (o di acqua), chiudete con il coperchio e cuocete a fiamma bassa per 50 minuti, girando di tanto in tanto l’arrosto.
Regolate di sale e pepe a metà cottura. Fate riposare il rotolo nella pentola per 10-15 minuti, poi togliete lo spago, affettate la carne e servitela con verdure di stagione.

LA PREPARAZIONE PRELIMINARE DEL PETTO DI TACCHINO

1 – Tagliare il petto a metà nello spessore.



2 – Incidere la carne con tagli obliqui.



3 – Batterla tra due fogli di pellicola da cucina.