Zitoni al ragù di anatra e salsiccia
Ingredienti

200 g di petto di anatra affettato sottile
200 g di salsiccia
15-20 g di porcini essiccati
1 cipollina
olio extravergine d’oliva
1 fogliolina d’alloro
1 cucchiaio di farina
3 cucchiai di latte
350 g di pasta zitoni
sale e pepe
Preparazione

Tagliate a metà le fettine di anatra, nel senso della lunghezza, poi a bastoncini. Scartate la pellicina della salsiccia e sbriciolatela. Mettete i funghi a bagno in acqua appena tiepida in una ciotola con 2 dl circa di acqua.

Tritate la cipolla e fatela appassire in una larga padella con un paio di cucchiai di olio.
Unite la salsiccia sbriciolata e fatela rosolare per qualche istante, mescolandola con la forchetta per sbriciolarla ancora meglio.
Unite anche le striscioline di anatra e l’alloro, mescolate e fate insaporire finché anche la carne avrà cambiato colore.

Aggiungete i funghi leggermente strizzati e dopo un paio di minuti anche la loro acqua di ammollo, versandola adagio per lasciare sul fondo della ciotola eventuali residui di terra.
Salate e pepate e proseguite la cottura a recipiente coperto e fuoco moderato per circa 10 minuti.
Stemperate la farina nel latte e versate il composto a filo nella padella, mescolando contemporaneamente. Cuocete a fuoco molto basso per altri 10 minuti circa.

Intanto, cuocete la pasta in acqua salata. Prima di scolarla prelevata una tazza della sua acqua di cottura e tenete da parte.
Scolate la pasta, trasferitela nella padella con il condimento e lasciate insaporire per qualche istante, mescolando e, se necessario, bagnando con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.

VARIANTE. Sostituite il petto di anatra con quello di pollo, faraona, cappone o con sella di coniglio.

NOTA. Fate attenzione quando inserite la pasta nella pentola per la cottura poiché per la loro forma particolare gli zitoni possono fare da “camino”, convogliando l’acqua bollente verso l’alto con il rischio di scottarvi le mani. Se anziché la tradizionale pentola alta userete invece una pesciera o una pentola ovale per arrosti, la pasta cuocerà distesa e in modo molto più omogeneo, e inoltre non rischierete di scottarvi.